generale

dylandog188 227x300 Dylan Dog 188 retro 226x300
Dylan Dog 188 interno1 217x300 Dylan Dog 188 interno2 218x300

Info

Titolo originale: Il labirinto di Bangor
Anno di pubblicazione: Maggio 2002
Soggetto e sceneggiatura: Claudio Chiaverotti
Disegni: Corrado Roi
Copertina: Angelo Stano
Lettering: Ileana Colombo
Numero tavole: 94
Casa editrice: Sergio Bonelli Editore
Disponibilità: Disponibile (Prima edizione, Ristampa, Collezione Book)

Info sul collezionismo

Valutazione:

  • 2.90 € (disponibile arretrato SBE)

Trama

Che ne direste di una partita a un bel gioco di ruolo, per esempio “Il Labirinto di Bangor”? Prima di rispondere pensateci bene, perché nel mondo di Dylan Dog anche il più innocente dei giochi può spalancare le porte dell’Inferno! Ne sanno qualcosa i cinque giocatori che, nel passato, hanno visitato spesso i magici sotterranei di Bangor e che oggi, troppo cresciuti per sciocchezze del genere, cadono uno a uno sotto i colpi del Principe Skull…

Personaggi principali

  • Dylan Dog: indagatore dell’incubo
  • Groucho: assistente di Dylan Dog
  • Bloch: ispettore di Scotland Yard
  • George Sharpe: marito di Cornelia, assume Dylan
  • Cornelia Sharpe: “Fata di vento” nel gioco di ruolo “Il labirinto di Bangor”
  • Damien Winkler: “Chierico” nel gioco di ruolo “Il labirinto di Bangor”
  • Julianne Sutherland: “Esploratrice” nel gioco di ruolo “Il labirinto di Bangor”
  • John Russell: “Mago di Melnibone” nel gioco di ruolo “Il labirinto di Bangor”
  • Steven Durkall: “Master” nel gioco di ruolo “Il labirinto di Bangor”
  • Greg Harrison: “Ranger” nel gioco di ruolo “Il labirinto di Bangor”
  • Gideon Felt: ideatore del gioco di ruolo “Il labirinto di Bangor”
  • Paul: vicino di Julianne, a letto con la moglie
  • Pricipe Skull: personaggio del gioco di ruolo “Il labirinto di Bangor”

Grouchate

  1. “Salve! Avete visto il Millepiedi?” “Io? N-no…” “Allora dev’essere uscito a fare duemila passi!”
  2. “Ma perché portate quel cappello?” “Cappello? Credevo che fosse un piatto di lenticchie!” “E se fosse stato un piatto di lenticchie, ve lo sareste messo in testa?!” “No, ma questo è un cappello: fate domande strane, voi!”
  3. Mi chiedevo appunto che cosa se ne fa un giovane scozzese di un pettine sdentato. E mi sono risposto: lo conserva per quando diventerà calvo
  4. “Voi… non siete Dylan Dog, vero?” “No, e neanche Dylan Dog falso!”
  5. Volete del tè? Sono un grande esperto. Me ne basta un sorso per capire se è caldo o freddo
  6. Ecco, se il capo non mi avesse imbavagliato gli avrei raccontato di quella mucca che dice a un’amica: “Non hai paura della malattia della mucca pazza?” “No, perché io non sono una mucca. Sono Napoleone Bonaparte”
  7. Hai sentito la televisione, capo? C’è stato un incidente tra due auto della polizia, e gli agenti hanno sparato ai motori, per non far soffrire i cavalli!
  8. “La New Age è una truffa…” “E non parliamo della New Economy…”
  9. Un vecchio taglialegna va in un negozio per comprare nuovi utensili. Il commesso gli consiglia una motosega, promettendogli un incremento di lavoro con minor fatica… sennonché, dopo una settimana, il taglialegna torna al negozio e sbraita: “Mi avete preso in giro! Ho faticato molto più di prima a segare i tronchi con il vostro aggeggio…” Allora il commesso aziona la motosega, per controllare che funzioni a dovere. E, appena il motore si mette a rombare, il taglialegna fa: “Che cos’è quel rumore?”
  10. “Ma non te le dimentichi mai, le barzellette?” “Certo. Come quel tizio che dice al dottore: “Ho una pessima memoria. E ho anche una pessima memoria”
  11. Prima ha chiamato una donna, e ha detto che voleva parlarti di un tizio con la faccia da teschio! C’è gente che fa cure dimagranti troppo radicali!
  12. Dicono che il mattino ha l’oro in bocca… ma io preferisco tè e pasticcini
  13. Ho letto oggi di una ragazza che ha ucciso il suo boy-friend con novecentonovantasei pugnalate. Non riusciva a spegnere il coltello elettrico
  14. C’è stato un altro omicidio, un maggiordomo. L’incaricato delle indagini ha dichiarato: “Beh, se non altro per una volta possiamo eliminarlo dalla lista dei sospettati”
  15. Tra poliziotti: “Quest’estate ho comprato un gommone di tre metri!” “Diavolo! E che cosa devi cancellare?”
  16. Sono andato a teatro, a un balletto: mi sono addormentato, e allora per non svegliarmi tutti i ballerini hanno danzato in punta di piedi
  17. Ho letto sui giornali che i sigari fanno male. Così ho deciso: smetto di leggere i giornali!
  18. Quando cade un uomo, le stelle esprimono un desiderio?
  19. “Dottore, mi scoppia la testa!” “Allora statemi lontano, non vorrete colpirmi con le schegge!”
  20. I soldi non danno la felicità, soprattutto se hai fatto voto di castità
  21. Per firmare gli assegni circolari ci vuole il compasso?
  22. “Dottore, in sala d’aspetto c’è l’uomo invisibile!” “Gli dica di tornare più tardi. Adesso non posso vederlo!”

Citazioni

Dylan Dog 188 interno3 217x300  
  1. William Shakespeare, drammaturgo e poeta inglese di fine ’500, inizio ’600
  2. Wolfgang Amadeus Mozart, musicista e compositore austriaco della seconda metà del ’700
  3. Napoleone Bonaparte, imperatore francese del primo ’800
  4. New Age, movimento transculturale di correnti psicologiche, sociali e spirituali alternative sorte nel tardo XX Sec.
  5. New Economy, termine coniato nel 1998 dal saggista statunitense Kevin Kelly, legata all’utilizzo di strumenti informatici
  6. Maghi, persone con poteri magici o che semplicemente eseguono giochi di destrezza
  7. Lupo mannaro, creatura mostruosa della mitologia e del folclore, detto anche uomo-lupo
  8. Vampiri, esseri mitologici che si nutrono di sangue
  9. Zombie, termine d’origine haitiano, legato ai riti vudù
  10. Fate, creature leggendarie presenti nelle fiabe
  11. Elfi, mitologia norrena, spiriti magici simili agli umani
  12. Orchi, personaggi delle fiabe, mostri giganteschi, crudeli e divoratori di carne umana
  13. Trolls, mitologia norrena, creature umanoidi che vivono nelle foreste del nord Europa
  14. Demoni, esseri che si pongono a metà strada fra ciò che è divino e ciò che è umano
  15. Paradiso, religione cristiana, luogo in cui dopo la morte, vanno le anime beate
  16. Diavolo, religione cristiana, entità spirituale e soprannaturale malvagia contrapposta a Dio
  17. Inferno, religione cristiana, luogo in cui dopo la morte, vanno i peccatori che hanno rifiutato Dio

Curiosità

  • “Il labirinto di Bangor” è un chiaro omaggio a “Dungeons & Dragons”, gioco di ruolo fantasy, pubblicato nel 1974
  • Risentiremo parlare di giochi di ruolo nel n.197 “I quattro elementi”
  • Dylan dice che anche su di lui è stato fatto un gioco di ruolo, si tratta di “Il gioco dell’incubo” del 1994, prodotto dalla Clementoni
  • Nella storia si parla del “Re di Arkhen”. A noi viene in mente soltanto “La terra di Archen”, regno che confina a nord con Narnia. “Le cronache di Narnia” è una serie di sette romanzi per ragazzi di genere fantasy scritti da C. S. Lewis tra il 1950 ed il 1956
  • Steven Durkall è morto il 20 giugno, data non casualmente, dato che si tratta per lo sceneggiatore di questa storia Claudio Chiaverotti del giorno del suo compleanno (20.06.65)
  • “Gioco mortale”, primo titoletto dell’albo, è un titolo che è stato usato per molti film e romanzi
  • A p.4 nella rubrica “Dylan Dog Horror Club”, è pubblicizzata la versione radiofonica di Dylan Dog che proporrà su “Radio 2″, 8 storie del nostro eroe
  • A p.20 la simpatica scenetta in cui si vede Groucho legato ed imbavagliato, ricorda i finali delle storie di Asterix, fumetto nato nel 1949 dagli autori francesi, René Goscinny e Albert Uderzo, in cui al povero Assurancetourix il bardo, era riservata la stessa sorte per non sentirlo cantare
  • A p.29 Dylan si ritrova a bere nel suo locale preferito “The red lion”, ma questa volta, non con Bloch ma con George Sharpe
  • Vediamo nell’immagine della copertina del numero successivo un articolo di giornale con scritto: “Where are them?” e “Police investigate”, corretto appena in tempo per la stampa ed uscito in edicola con le scritte: “Where are They?” e “Police investigating”. Ma inspiegabilmente l’errore ritorna nelle ristampe successive, quelle in cui di solito gli errori vengono corretti e non riproposti